Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

unionevaldera@postacert.toscana.it
Unione Valdera

TitoloAssegno di maternità (codice 01030050)
Oggetto

Si tratta di un assegno mensile erogato dall'INPS  per ogni figlio nato, alle donne che non beneficiano di alcun trattamento economico per la maternità (indennità o altri trattamenti economici a carico dei datori di lavoro privati o pubblici), o che beneficiano di un trattamento economico di importo inferiore rispetto all’importo dell’assegno. Tale contributo viene erogato in una sola soluzione ed ha validita ’di 5 mesi.

L’importo dell’assegno mensile di maternità, spettante nella misura intera, per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento avvenuti dal 1.1.2017 al 31.12.2017 è pari a Euro 338,89 per cinque mensilità e quindi a complessivi Euro 1.694,45.

Requisiti richiesti

L'assegno spetta alla madre per ogni figlio nato e per ogni minore in adozione o affidamento preadottivo purché il minore non abbia superato i 6 anni di età al momento dell’adozione o dell’affidamento in caso di adozioni o affidamenti internazionali.
La madre deve essere:

  • cittadina italiana o comunitaria;
  • cittadini di Paesi Terzi residenti, regolarmente soggiornanti elencati nella deliberazione di Giunta dell'Unione Valdera n. 13 del 04/03/2016 ;
  • o cittadina straniera in possesso dello status di rifugiato politico (art.27 del D.Lgs. 19 novembre 2007, n.251);
  • non beneficiare di alcun trattamento economico per la maternità o se percepito di importo inferiore all'assegno INPS;
  • avere un indicatore ISEE inferiore o uguale ai limiti stabiliti dalla legge, che per l'anno 2017 è pari a € 16.954,95

Modalità di richiesta

La domanda deve essere presentata entro 6 mesi dalla nascita o dalla data del decreto di adozione o affidamento al Comune di residenza o inviata a mezzo fax con copia valida di un documento di riconscimento del richiedente.

SPORTELLI E ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO  a cui rivolgersi per presentare la domanda

Documentazione
  • Modulo di domanda con autocertificazione ISEE
  • fotocopia di un documento di identità del dichiarante
  • permesso di soggiorno (per cittadini extracomunitari);

Costi e modalità di pagamentonessuno
Modalità di erogazione
L'Unione Valdera dopo avere controllato la sussistenza di tutti i requisiti, concede o nega l’assegno con un proprio provvedimento, e lo comunica a chi ha presentato la richiesta. In caso di concessione, trasmette all’INPS i dati necessari per il pagamento.
L'assegno viene pagato dall’INPS, in un’unica soluzione, entro 45 giorni dalla data di ricevimento dei dati trasmessi dall'Unione.

Termine di conclusione del procedimento30 gg dalla domanda per l'istruttoria e la trasmissione all'INPS

Unità organizzativaServizi Sociali
Responsabile del procedimentoForte Giovanni
Responsabile del provvedimento finaleForte Giovanni
Responsabile del potere sostitutivo
IncaricatiBartoli Stefania
SediErogazione: Via Brigate Partigiane 4 PONTEDERA(PI) - 56025 Pontedera - Tel: 0587 299577 - Fax: 0587 292771 - e-Mail: s.bartoli@unione.valdera.pi.it - Luogo: stanza 9 - Orario: su appuntamento. Gli sportelli per il cittadino si trovano nei rispettivi comuni. Vedi modalità di erogazione

NormativaL. 448/98 art. 65
Documenti allegatiDelierazione della Giunta dell'Unione Valdera n. 13 del 04/06/2016
Domanda per l'assegno di maternità
Modello INPS SR163

Avvio procedimentoIstanza d'ufficio
Partecipazione al procedimentoAttivabile con la richiesta di accesso agli atti prevista dall'art. 22 della L. 241/90
RicorsoTutele contro atti e/o provvedimenti amministrativi

  • Tutela Giurisdizionale:il cittadino può proporre ricorso al TAR di Firenze, entro 60 giorni dalla notificazione dell'atto, dalla sua comunicazione o comunque dalla sua conoscenza
  • Tutela Amministrativa: il cittadino può presentare Ricorso Straordinario al Capo dello Stato contro un atto divenuto definitivo, entro 120 giorni dalla notificazione, comunicazione o conoscenza dell'atto.
Ricorso (provv. oltre i termini)Il resposabile del potere sostitutivo interviene nella metà del tempo originariamente previsto determinato in:
  • 15 giorni
Per chiedere l'intervento del responsabile del potere sostituvo clicca qui
Diritto indennizzonon previsto

Classi / MaterieSocietà e politiche sociali > Famiglia
Eventi / ServiziAvere una famiglia > Avere un figlio > Assegno maternità
Data aggiornamento2017-03-14