Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

unionevaldera@postacert.toscana.it
Unione Valdera

Che cos'è la mediazione civile e commerciale

Che cos'è la mediazione civile e commerciale

 

La mediazione civile è un metodo di risoluzione delle controversie civili e commerciali alternativo rispetto al ricorso al giudizio, semplice, veloce e conveniente:


Semplice:
Per intraprendere un tentativo di mediazione è sufficiente presentare una domanda completa alla Segreteria dell’Organismo che fisserà in breve tempo la data del primo incontro nominando il mediatore professionalmente più competente a gestire la procedura.

Veloce: L’intero procedimento di mediazione ha una durata complessiva che non supera i 4 mesi dal deposito dell’istanza.

Conveniente: I costi della pratica sono contenuti e pre-determinati e sono previste agevolazioni fiscali a chi usufruisce del servizio (per maggiori informazioni relative ai costi, consulta la pagina "TEMPI E COSTI").

Per maggiori informazioni sulle modalità di svolgimento del procedimento di mediazione, consulta la pagina "COME SI SVOLGE IL PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE". Se vuoi renderti conto di come si articola, in concreto, un procedimento di mediazione, CLICCA QUI.).

Si può ricorrere alla mediazione civile e commerciale in modo:

- FACOLTATIVO: quando viene volontariamente scelto dalle parti;

- DEMANDATO : quando il giudice, cui le parti si siano già rivolte, invita le stesse a tentare la mediazione;

- A SEGUITO DI SPECIFICA CLAUSOLA CONTRATTUALE:  quando il contratto, lo statuto oppure l'atto costitutivo dell'ente prevedono una specifica clausola di mediazione, che comporta, per le parti, il ricorso alla mediazione prima di poter procedere con l'azione giudiziale.

Prima della sentenza n. 272/2012 della Corte Costituzionale, (anticipata con il  comunicato stampa  del 24/10/2012), era previsto, per alcune specifiche materie, il ricorso obbligatorio al tentativo di mediazione. Ciò significa che per alcune specifiche materie si prevedeva che le parti dovessero obbligatoriamente ricorrere ad un tentativo di mediazione prima di poter procedere con l'azione giudiziale.

La sentenza della Corte Costituzionale n. 272/2012, depositata il 06 dicembre 2012 e pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 12/12/2012, dichiarando l'illegittimità, per eccesso di delega, dell'art. 5 c.1 del D.lgs 4 marzo 2010 n. 28, fa cadere le disposizioni relative alla cosiddetta mediazione obbligatoria. 

Per consultare il contenuto della sentenza, clicca qui.

A tal proposito la Camera Arbitrale di Milano ha prodotto un efficace e pratico riassunto degli effetti della stessa,consultabile cliccando qui.